Noi che…

Questo articolo di cazzeggio domenicale è una risposta al post di Stefano.

Ho letto questo testo, credo, per la prima volta su un vecchio post di it.fan.startrek, in ogni modo è uno dei tanti testi che girano per la Rete.

  • Noi che ci divertivamo anche facendo “Strega comanda color…”
  • Noi che le femmine ci obbligavano a giocare a “Regina reginella” e a “Campana”.
  • Noi che facevamo “Palla Avvelenata”.
  • Noi che giocavamo a “Ruba Bandiera”.
  • Noi che non mancava nemmeno “dire fare baciare lettera testamento”.
  • Noi che i pattini avevano quattro ruote, si legavano alle scarpe e si allungavano quando il piede cresceva.
  • Noi che mettevamo le carte da gioco con le mollette sui raggi della bicicletta.
  • Noi che chi lasciava la scia più lunga nella frenata con la bici era il più figo.
  • Noi che passavamo ore a cercare i buchi sulle camere d’aria mettendole in una bacinella.
  • Noi che ci sentivamo ingegneri quando riparavamo quei buchi col tip-top.
  • Noi che suonavamo al campanello per chiedere se c’era l’amico in casa.
  • Noi che avevamo adottato gatti e cani randagi che non ci hanno mai attaccato nessuna malattia mortale anche se dopo averli accarezzati ci mettevamo le dita in bocca.
  • Noi che quando starnutivi, nessuno chiamava l’ambulanza.
  • Noi che i termometri li rompevamo e le palline di mercurio giravano per tutta casa.
  • Noi che dopo la prima partita c’era la rivincita, e poi la bella, e poi la bella della bella.
  • Noi che se passavamo la palla al portiere coi piedi e lui la prendeva con le mani non era fallo.
  • Noi che giocavamo a fiori frutta e città (e la città con la D era sempre Domodossola).
  • Noi che con cinquecento lire di carta ci venivano dieci pacchetti di figurine.
  • Noi che le cassette se le mangiava il mangianastri, e ci toccava riavvolgere il nastro con la matita.
  • Noi che in TV guardavamo solo i cartoni animati.
  • Noi che avevamo i cartoni animati belli!!!
  • Noi che litigavamo su chi fosse più forte tra Goldrake e Mazinga.
  • Noi che guardavamo “La Casa Nella Prateria” anche se metteva tristezza.
  • Noi che alla messa ridevamo di continuo.
  • Noi che si andava a messa se no erano legnate.
  • Noi che ci emozionavamo per un bacio su una guancia.
  • Noi che non avevamo il cellulare per andare a parlare in privato sul terrazzo.
  • Noi che i messaggini li scrivevamo su dei pezzetti di carta da passare al compagno.
  • Noi che non avevamo nemmeno il telefono fisso in casa, oppure era il telefono duplex.
  • Noi che si andava in cabina a telefonare.
  • Noi che le palline di natale erano di vetro e si rompevano.
  • Noi che facevamo il gioco della bottiglia tutti seduti per terra.
  • Noi che alle feste stavamo sempre col manico di scopa in mano.
  • Noi che se guardavamo tutto il film delle 20:30 eravamo andati a dormire tardissimo.
  • Noi che giocavamo a calcio con le pigne.
  • Noi che le pigne ce le tiravamo pure.
  • Noi che suonavamo ai campanelli e poi scappavamo.
  • Noi che il bagno si poteva fare solo dopo le quattro.
  • Noi che a scuola andavamo con cartelle da due quintali.
  • Noi che a scuola ci andavamo da soli e tornavamo da soli.
  • Noi che se a scuola la maestra ti dava un ceffone, la mamma a casa te ne dava due.
  • Noi che se a scuola la maestra ti metteva una nota sul diario, a casa era il terrore.
  • Noi che le ricerche le facevamo in biblioteca, mica su Google.
  • Noi che Internet non esisteva.
  • Noi che però sappiamo a memoria “Zoff Gentile Cabrini Oriali Collovati Scirea Conti Tardelli Rossi Antognoni Graziani (allenatore Bearzot)”.
  • Noi che “Disastro di Cernobyl” vuol dire che non potevamo bere il latte alla mattina.
  • Noi che i giocattoli erano di latta con linguette taglienti come rasoi, ma non siamo morti di tetano o dissanguati.
  • Noi che si poteva star fuori in bici il pomeriggio.
  • Noi che se andavi in strada non era così pericoloso.
  • Noi che però sapevamo che erano le 4 perché stava per iniziare BIM BUM BAM.
  • Noi che sapevamo che ormai era pronta la cena perché c’era Happy Days.
  • Noi che il primo novembre era “Tutti i santi”, mica Halloween.

Che fortuna esserci stati!

3 Replies to “Noi che…”

  1. bellissimo 🙂
    btw, a proposito di “Noi che se guardavamo tutto il film delle 20:30 eravamo andati a dormire tardissimo”, chi ricorda quando i film iniziavano alle 20:20? forse erano i tempi di antenna_nord…
    Ciao!

Leave a Reply