Quaranta giorni dopo

Cybook e il mio libro su Babylon 5

È quello che gli ospiti dicono mentre ripartono in macchina che conta.

Quaranta giorni dopo l’acquisto ho ricaricato per la prima volta le batterie del Cybook ed è ora di fare un piccolo report sull’oggetto.

Sono stati quaranta giorni abbastanza movimentati, il Cybook mi ha seguito su quattro voli aerei nazionali senza creare problemi, a parte una volta in cui si è bloccato mentre ero in volo ed avevo bisogno di un oggetto appuntito (terrorista!) per forzare un reset dell’apparecchio; fortunatamente una normale penna a sfera riesce ad azionare il pulsante apposito.

Era tanto tempo che non comperavo delle schede Secure Digital perché ho quasi pensionato la fotocamera digitale che le utilizza; ho notato con estremo piacere che con 5€ si possono acquistare delle SD da 2 Gb, che non saranno velocissime, ma per i miei scopi vanno benissimo.

L’interfaccia utente del Cybook è un po’ ruvida e necessita di alcuni miglioramenti come un feedback immediato di «comando ricevuto», ma sostanzialmente fa quello che deve e ci si abitua. Se ci fosse un comando per girare pagina anche sul lato sinistro dell’apparecchio sarebbe un’ottima cosa.

I PDF non predisposti per i lettori di questo tipo si vedono abbastanza male a causa dell’assenza dello zoom. Tutti gli altri formati con testo riformattabile si leggono benissimo, specialmente per il fatto che è ovviamente possibile impostare tipo e dimensione di font.

Il problema resta l’approvvigionamento legale di testi. Ci sono autori che, dal mio punto di vista, riescono a vedere lontano come Charles Stross o Cory Doctorow e che stanno facendo in modo di poter pubblicare anche su Internet le loro opere, possibilmente prive di DRM. Credo che sarà una strada lunga, a meno che non intervenga qualche fattore esterno come per esempio lo scarseggiare della polpa di legno.

Nel frattempo qualcosa pare si stia muovendo: secondo Register Hardware, Sony sbarcherà oltremanica in settembre con il suo PRS-505 e sembrerebbe imminente (mesi?) la disponibilita’ del Readius, un dispositivo tascabile con display pieghevole dotato di connettività cellulare, bluetooth e USB, anche se non mi è ben chiaro come stia bene assieme tutta quella roba assieme governata da WinCE; le specifiche sono comunque ancora molto fumose. Se il mercato ci crede, l’eBook reader potrebbe essere il gadget di Natale o del prossimo anno.

10 Replies to “Quaranta giorni dopo”

  1. Temo che il Readius abbia lo schermo un po’ troppo piccolo per essere usato come reader di libri. Potrebbe andar bene per documenti da avere con se o per manualoni tecnici.

  2. Anche a me il Readius non convince, mentre il Sony sembra costosetto ma interessante. Costasse meno dell’iLiad potrebbe essere un buon candidato.

    Per evitare i DRM purtroppo l’unico formato sembra essere il PDF che però non è riformattabile e molti manualoni o libri di autori “fai da te” sono formattati in A4 (addirittura landscape in due colonne a emulare un A5), quindi o si decidono a rilasciare formati riformattabili aperti che sosticuiscano i vari mobipocket, eReader o la vedo dura su quel fronte Tralascio i commenti sulla versione per iPhone di eReader che impedisce di caricare libri non presenti sul suo portale e non prevede ancora versioni per eBook reader come il tuo.

  3. Piuttosto che prendere un player di contenuti digitali (musica, video, testo) di Sony, sto con la tecnologia vecchia. Sony e’ troppo propensa a sostenere i propri formati hard/soft proprietari rispetto a sistemi aperti.

  4. E hai detto “cotiche”! Onestamente obolare Sony per poi dover prendere da lei e solo da lei i libri non e’ tra le aspirazioni della mia vita! 🙂

  5. Sony e’ troppo propensa a sostenere i propri formati hard/soft proprietari rispetto a sistemi aperti. — Almeno fosse poi capace di imporli come standard. Invece regolarmente finisce per essere l’unica ad usarli, per poi finire per abbandonarli. Con grande soddisfazione dei clienti che ci hanno messo i soldi.

  6. Scusa, se ti disturbo con un po’ di domande, ma ovviamente l’oggetto mi interessa e sentire le opinioni di un early adopter mi aiuta.

    Come immagino molto, io sono costretto per lavoro a leggere/studiare manuali in pdf, che ovviamente sono costretto a stampare.
    Siccome sono impaginati in A4 con tutte le possibili protezioni, esiste una soluzione per leggerli tranquillamente con Cybook?

  7. Risposta breve: no, non sul Cybook.

    Bisognerebbe provare come vengono sull’iLiad, se vai su http://www.simplicissimus.it e ti iscrivi alla mailing list citata nella home page del sito puoi chiedere lumi ad utenti dell’iLiad, che dispone di un display più grande.

Leave a Reply