Il laser ai Babilonesi

The more you tighten your grip, Tarkin, the more star systems will slip through your fingers.

Immaginate di compiere un salto di circa tremila anni indietro nel tempo e di dover spiegare cosa sia un laser ai Babilonesi agitando davanti a loro un puntatore laser acquistabile da noi per pochi Euro.

Immaginate ora di dover spiegare ai politici del nostro tempo cosa sia Internet.

Tra le due, io scelgo senza indugio il laser ai Babilonesi perché credo che avrei più successo.

Riporta Stefano che purtroppo è passata al Senato una legge assurda sulla censura dei siti Internet quando si procede per delitti di istigazione a delinquere o a disobbedire alle leggi, ovvero per delitti di apologia di reato, previsti dal codice penale o da altre disposizioni penali, e sussistono concreti elementi che consentano di ritenere che alcuno compia detta attività di apologia o di istigazione in via telematica sulla rete internet.

La norma non è ancora legge dello Stato perché deve passare anche alla Camera, ma metà del danno è fatto.

Ritengo che la legge sia assurda perché è semplicemente inefficace e lascia troppa discrezionalità interpretativa.

L’inefficacia è palese da un punto di vista tecnico. L’articolo uno dice che il Ministro dell’Interno può ordinare ai fornitori di connettività alla rete internet di utilizzare gli appositi strumenti di filtraggio necessari a tal fine. Abbiamo visto l’efficacia di questi appositi strumenti di filtraggio questa estate nel caso di The Pirate Bay: alcuni provider avevano semplicemente invalidato i record DNS della zona di The Pirate Bay, cosa che ha colpito solamente chi utilizzava il server DNS del provider; e comunque The Pirate Bay aveva aperto altri nomi a dominio per aggirare la cosa. Anche ipotizzando un sistema “alla cinese”, basterebbe una banale connessione VPN o un proxy HTTP per aggirare l’ostacolo, ma questo il legislatore lo ignora, come i Babilonesi ignoravano il concetto di luce coerente. L’articolato prevede comunque che, entro sessanta giorni dalla pubblciazione, individui e definisca gli strumenti tecnici e di filtraggio. Auguri!

Ciò che preoccupa maggiormente è comunque la poca specificità della legge. Considerata la terribile quantità di norme, non sarebbe possibile utilizzare qualche grimaldello legislativo per far chiudere siti scomodi? Se venisse attuato un filtraggio in base all’indirzzo IP, che colpa ne avrebbero le persone oneste che si vedrebbero oscurato il proprio sito legale per il solo fatto di condividere un server presso un provider con altre persone di cui non ha alcuna conoscenza?

Non è con un comportamento tecnicamente ignorante che si fermano i presunti malviventi.

One Reply to “Il laser ai Babilonesi”

Leave a Reply