Thunderbird 3.0 RC2

L’altro ieri è uscita la Release Candidate 2 di Thunderbird 3.0.

Sto utilizzando Thunderbird 3.0 sotto Linux da qualche giorno con ottimi e soddisfacenti risultati. Come è accaduto per la 2.0, anche la RC della 3.0 è utilizzabile per il lavoro quotidiano, anche se credo sia meglio aspettare a darla a tutti gli utenti.

La directory dove Thunderbird registra i dati personali è cambiata. Questo permette di far convivere la versione 2 e la versione 3 senza interferenze reciproche, ma richiede un minimo di smanettamento, in attesa che venga rilasciata la versione definitiva che provvede alla migrazione del profilo. Le nuove directory dei profili sono queste:

Windows Vista, Windows 7 Users<Utente>AppDataRoamingThunderbird
Windows 2000, XP, 2003 Server Documents and Settings<Utente>Application DataThunderbird
Mac OS X ~/Library/Thunderbird
Linux e Unix ~/.thunderbird

Nel caso in cui venga migrato il profilo, la prima volta che veiene esguito Thunderbird parte un background la reindicizzazione dei messaggi. Sul mio Linux dove ho alcune decine di migliaia di messaggi, l’indicizzazione ha richiesto un paio d’ore, ma non ha interferito con la normale attività del programma. Dategli tempo all’inizio se, come me, avete un po’ di messaggi.

Le opzioni, le prestazioni e i report di ricerca dei messaggi sono nettamente migliorati, merito anche del nuovo motore di indicizzazione dei messaggi.

Alcuni plugin non funzionano ancora, altri sono obsoleti. Tra quelli che utilizzo, funzionano Mark All Read Button, Quote Colors, Remove Duplicate Messages (Alternate), Signature Switch e Toolbar Buttons; Enigmail è compatibile, ma nael mio caso ho dovuto reinstallarlo per far apparire l’interfaccia.  Non sono, invece, ancora compatibili Display Mail User Agent, Folderpane Tools, Mail Redirect, Quicktext, Xpunge. Avevo anche un plugin per il cambio veloce del dizionario, la cui funzione è presente anche in Toolbar Buttons. Aggiornamento del 11/12: Folderpane Tools può essere sostituito da Manually sort folders che permette di cambiare manualmente l’ordinamento sia degli account sia delle cartelle. Aggiornamento del 12/12: Quicktext è ora compatibile. Aggiornamento del 15/12: Display Mail User Agent è ora compatibile.

L’avvio con utenze multiple in IMAP è nettamente più veloce della versione precedente. Bisogna fare un po’ di abitudine alla nuova posizione dei pulsanti di risposta, anche se è possibile abilitare la vecchia toolbar attraverso l’assistente della migrazione che si trova nel menu di aiuto.

L’utilizzo dei tab all’inizio sembra un po’ inutile, ma dopo qualche ora si apprezza la nuova opzione di visualizzazione.

Un funzione che potrebbe essere utile è la possibilità di far apparire un reminder con un pulsante per sfogliare il disco quando vengono digitate alcune sequenze come attach, .doc e altre (personalizzabili). Questo dovrebbe servire a ricordare all’utente di allegare dei file.

L’aggiunta di una finestra richiamabile su comando con il log delle attività in corso e appena concluse è un’ottima idea che, finalmente, dovrebbe permettere di avere la risposta alla domanda «Ma cosa sta facendo Thunderbird?». Questa opzione si rivela subito utile durante la reindicizzaizone iniziale delle caselle, in quanto permette di controllare lo stato di avanzamento dell’indicizzaizone.

Da segnalare il fatto che, con alcuni feed RSS non è più possibile visualizzare il contenuto della pagina direttamente da Thunderbird, ma bisogna aprire il link. Devo ancora capire quale sia il nuovo discrimine che causa questo problema. Per esempio,vengono visualizzati correttamente i feed di BoingBoing, Darth Mojo, Engrish, ma non quelli della BBC, fark e Gizmodo.

L’impressione globale è che Thunderbird resti un buon client di email, specialmente se si utilizza il protocollo IMAP.

Aggiornamento del 10 dicembre: ieri è uscita la release 3.0 finale.

4 Replies to “Thunderbird 3.0 RC2”

  1. L’ho un po’ guardato e non ho trovato una cosa: le signature. Possibile che non le abbia? Io sono abituato alle signature “random” di Mail, non potrei cambiare programma e rinunciare a questa funzione!

  2. La signature fissa e’ in “Account Settings”, nella pagina principale dell’account, quella dove c’e’ il nome l’indirizzo, ecc.
    Per quella random devi usare il plugin Signature Switch, il cui link e’ nel tasto del post. Crei un file di testo con la parte fissa della signture, una riga con un ‘$’ all’inizio e la parte mobile con le frasi separate da una riga con un ‘%’ all’inizio.
    Concordo che un mail client non e’ completo senza un randomizzatore di signature.

  3. Mail randomizza le signature?

    @Luigi. Testo del post…

    Il bello di TB è la sua modularità tale che qualcosa s’inceppasse si può sistemare tutto come fosse LEGO

Leave a Reply