Crostata di mele

Crostata di meleNegli anni ho provato a preparare tante incarnazioni di un dolce a base di mele, ma mi hanno dato tutte poca soddisfazione.

Vuoi perché il mio dolce di mele preferito è lo strudel altoatesino, vuoi perché  il rischio è che le mele abbiano il gusto delle mele cotte che si danno ai malati.

Avevo in casa una discreta quantità di Annurca della Campania nella versione acidula e farinosa e ho deciso di provare a fare una versione alternativa della solita torta di mele casalinga.

Ingredienti per una tortiera da 27 centimetri di diametro.

  • 200g farina bianca
  • 180g burro
  • 3 o 4 mele Annurca di piccolo taglio
  • 90g zucchero
  • mezzo limone
  • mezzo bicchiere di latte
  • una manciata di farina di mais tipo fioretto
  • un cucchiaio di miele
  • cannella in polvere
  • zenzero in polvere per dolci
  • aroma di limone per dolci o scorza di limone non trattato
  • aroma di vaniglia per dolci
  • sale fino

Tagliare il burro a piccoli pezzi, disporlo in una terrina e lasciarlo ammorbidire.

Aggiungere la farina bianca,  80g di zucchero, la farina gialla, un pizzico di sale, una spolverata di zenzero, poche gocce di aroma di vaniglia e poche gocce di aroma di limone oppure, se siete fortunati, la scorza edibile di un limone.

Tenere a portata di mano il latte e impastare. Quando il burro si sarà ben amalgamato e resterà della farina fuori dall’impasto, aggiungere il latte poco per volta fino a quando la farina è completamente assorbita e l’impasto è omogeneo. Il risultato è qualcosa di molto difficile da lavorare e un po’ appiccicaticcio, ma va bene così.

Disporre l’impasto su un foglio di carta da forno e cercare di spianarlo quanto possibile. Coprire con un altro foglio di carta da forno e lavorare con un mattarello finché l’impasto non ha preso le dimensioni della tortiera; durante questa operazione rivoltate l’impasto per renderlo uniforme da entrambe le parti.

Ripiegate i bordi della carta da forno e riponete l’impasto nel frigorifero su una superficie orizzontale.

Lavate le mele con sodio bicarbonato sfregandole bene e asciugatele con vigore per farle tornare lucide. Riempite un contenitore con dell’acqua e aggiungete il succo di mezzo limone. Tagliate le mele a fettine di circa tre millimetri di spessore e tuffatele subito nell’acqua acidulata per impedire che si anneriscano. Tenere il coltello e il tagliere inumiditi con la medesima acqua acidulata.

Accendere il forno e regolare il termostato a 200 gradi.

Estrarre il disco di pasta frolla dal frigorifero, eliminare uno dei due fogli di carta da forno e utilizzare l’altro per adagiare la pasta nella tortiera. Rivoltare eventuale pasta in eccesso lungo i bordi e creare una decorazione con la forchetta secondo il gusto. Bucherellare con la forchetta la superficie della pasta.

Scolare le fette di mela e disporle sulla torta in modo da sovrapporre leggermente ogni fetta con quella successiva.

In un pentolino mettere lo zucchero rimanente, il miele, una generosa spolverata di cannella e un po’ d’acqua. Mettere sul fuoco e far sciogliere tutto lo zucchero (sciroppo).

Spennellare generosamente le mele con lo sciroppo in modo che ogni fetta venga bagnata dal liquido. È normale che coli del liquido sulla superficie della torta e formi delle pozzanghere: evaporeranno durante la cottura.

Infornare e cuocere per 30 minuti circa o comunque fin quando i bordi della torta non saranno diventati scuri. Controllare bene la parte finale della cottura per impedire che la polpa della mela si bruci (non importa se si brucia qualche punta).

Sfornare e lasciare raffreddare.

Nella mia versione non ho sbucciato le mele perché mi piace il gusto della buccia, ma soprattutto perché non avevo nessuna voglia di farlo. Il risultato è visivamente piacevole e la buccia cotta non dà molto fastidio, ma questa è una questione di gusti personali.

Leave a Reply