Albo Pretorio

Libreria Delfino - PaviaIn quanti, tra i non addetti ai lavori o coinvolti per fatti personali sanno che cos’è?

È il nome della bacheca o asta di legno o similare collocata all’interno (di solito presso l’ingresso) di alcuni enti in cui si pubblicano gli atti che, in base alle leggi e ai regolamenti vigenti, ottengono la pubblicità legale a cui è legata la loro validità. Esempio banale: le pubblicazioni di matrimonio, che restano all’albo per una settimana.

Confesso che la prima volta che me ne hanno parlato (sei anni fa) per motivi di lavoro mi sono balenate in testa immagini di fasci littori, toghe romane e assimilati. Continue reading “Albo Pretorio”

eBook, previsioni e fesserie

La mia posizione sui DRM l’ho più volte detta e ripetuta: sono contrario senza alcun appello. Questa tecnologia di protezione si basa sul fatto che un’operazione matematica sia lunga (mesi, anni) da eseguire se non si conoscono alcuni dati, ma il caso dell’HDCP dovrebbe insegnare qualcosa.

Silvio ha chiarito molto bene quali siano i problemi dei libri protetti da DRM, che i potrebbero riassumere in “non si possono utilizzare come i libri”.

Da noi gli eBook sono più comuni di alcuni Paesi europei, checché ne dicano i soliti mugugnatori che vedono sempre l’Italia dietro tutti gli altri. Come in ogni nuova tecnologia, arrivano prima i piccoli e i pesi massimi seguono con la loro forza, la loro arroganza e anche con la loro stupidità (IOL, VOL… ricordate?).

Continue reading “eBook, previsioni e fesserie”

Cyberwar

Il caso e-stonia del 2007 sembrava essere il più eclatante e forse lo è ancora per la sfrontatezza con cui l’attaccante ha colpito e inginocchiato una repubblica sovrana in poche ore.

Ma gli eventi degli ultimi giorni legati a Stuxnet fanno tornare alla mente di nuovo alcuni scenari fantascientifici o cyberpunk di attacchi informatici.

Se è vero anche solamente in parte quello che riporta DEBKA, l’attacco ha colpito il bersaglio in pieno. Il mio sospetto è che non ci sia stato ancora nessuno che si sia offerto volontario per andare a risolvere il problema degli Iraniani perché ci potrebbe essere il rischio concreto che il viaggio per Tehran sia di sola andata o abbia comunque un ritorno… difficoltoso.

Continue reading “Cyberwar”

L'(in)utilità della firma elettronica

Sto cambiando auto, la qual cosa da sola mi procura fastidio, ma di questo darò forse conto in un altro post.

Nell’ambito di questo travaglio ho dovuto firmare e timbrare una quantità letteralmente incredibile di fogli, molti dei quali utili solamente a giustificare una burocrazia autoreferenziale. Ma transeat.

La quasi totalità dei documenti che ho firmato o consegnato sono passati tramite una mail: quelli che ho firmato di pugno sono stati inviati via PDF, stampati e firmati. I documenti che ho inviato io li ho passati allo scanner, convertiti in PDF e inviati via email.

Continue reading “L'(in)utilità della firma elettronica”

Red Hat 6.0 Beta

RedHat 6 betaSu segnalazione del blog di Karanbir Singh, ho scaricato la beta della Red Hat 6.0; Karanbir ha scritto le sue prime impressioni sui package della nuova versione, scrivo qui di seguito le mie, dopo aver installato il sistema operativo in una macchina virtuale di VMware Workstation.

La scelta dei device di installazione durante il setup è molto variegata e denota evidentemente un’attenzione agli ambienti enterprise: vengono supportati nativamente molti tipi di ambienti SAN e di soluzioni RAID.

Continue reading “Red Hat 6.0 Beta”

Plug and Play

Un cliente ha acquistato un server nuovo un HP ProLiant ML150 G6 con Windows 2008 R2 per aggiornare il suo vecchio server. Sembrava una passeggiata, visto che Windows 2008 è fuori da tempo e HP, seguendo le orme di Compaq, fornisce un CD (SmartStart o Easy Setup, a seconda dei modelli) per l’installazione guidata.

Povero illuso.

Il CD di Easy Setup 1.0 fornito con il server non supporta Windows 2008 R2 x64 Microsoft OEM, decido quindi di provare a scaricare la versione 2.0 (500 Mb), ma nemmeno quella supporta questa versione di Windows.

Scarico, quindi, i driver del controller (Smart Array B110i), il setup di Windows me li carica correttamente, mi lascia creare una partizione, me la lascia formattare, ma al momento di avviare il setup, il programma dice di non riuscire a trovare alcun disco o alcuna partizione utilizzabile. Notare che è il medesimo programma che ha appena creato e formattato la partizione. C’è qualcosa di molto strano.

Continue reading “Plug and Play”

Cosa significherebbe un controllo di Internet

La notizia: il motore di ricerca cinese Baidu ha bloccato le ricerche con parole chiave che hanno a che fare con il terremoto appena verificatosi nella regione del Qinghai che ha provocato, per ora, 400 vittime e 8.000 feriti.

Il contrasto con altri motori di ricerca occidentali è stridente: noi utilizziamo i motori di ricerca quando abbiamo bisogno di notizie, un esempio è l’analisi compiuta da Google trends (già Google zeitgeist). Limitare le ricerche proprio nel momento in cui sono più utili è un’azione che non ha certo bisogno di commenti.

Internet non è un brutto babau in cui non vigono regole, come ha scritto un giudice italiano (signor giudice, cosa ne pensa degli stadi italiani?). È un posto con delle regole differenti, che possono confondere chi si ostina a non volerle comprendere e insiste nel voler applicare paradigmi dello scorso millennio ad una tecnologia nuova. Internet è uno strumento in cui “pluralità d’informazione” non significa poter leggere sia il Corsera, sia la Repubblica, ma poter leggere il Guardian, Al Jazeera, il NY Times, El País, la FAZ, e Haaretz, farsi una propria idea di cosa stia succedendo e magari concludere facendosi due risate con il Sun e la Bild.

Possa questa pluralità avere vita lunga e prospera, ma stiamoci attenti.

Anagrafica articoli

C’era una volta un’informatica in cui il costo per byte sia della RAM sia dei sistemi di memorizzazione era notevole. In quell’informatica di una volta i programmatori facevano di tutto per risparmiare anche un singolo byte nei database, ben sapendo che un singolo byte moltiplicato per il numero di record aveva un peso notevole.

L’informatica è cambiata, i costi per byte sono diminuiti e la potenza dei motori di database è aumentata in maniera quasi esponenziale: immaginate solo il lavoro per fare una FULL OUTER JOIN o una semplice UNION con dBase III.

Purtroppo ci sono ancora aziende la cui anagrafica articoli è ferma a metà degli anni ’90 del secolo scorso, con anagrafiche articoli esposte al pubblico di relativamente pochi caratteri.

Continue reading “Anagrafica articoli”

…allora è meglio Microsoft!

Il titolo è volutamente provocatorio e l’antagonismo ideologico tra le major dell’informatica non è l’oggetto di questo post, che è un esercizio teorico basato su un fatto di cronaca.

Recentemente c’è stato un attacco coordinato proveniente dalla Cina contro il servizio di posta elettronica di Google. L’attacco sarebbe stato coordinato attraverso dei computer controllati tramite il protocollo Aurora, la cui analisi ne rivela la complessità e fa chiaramente capire che non è stato creato dal solito gruppo di smanettoni cantinari.

Continue reading “…allora è meglio Microsoft!”

Y2.01K

Dopo averci scherzato tempo fa, pare che il problema della data nei software non sia sparito del tutto.

Il problema dell’anno 2000 era serio, anche se le conseguenze non sarebbero state quelle “previste” dagli “esperti” catastrofisti interrogati dalla stampa, la quale era a caccia più di sensazionalismi che di notizie. In ogni modo, sia con lo sforzo preventivo sia con l’intelligenza degli utilizzatori il problema dell’anno 2000 è stato superato.

Durante il periodo di caccia al baco precedente il primo gennaio 2000, i protocolli di test per verificare il software prevedevano, ovviamente, l’utilizzo di date successive all’anno 2000 nelle normali operazioni del software.  Ok, ma quanto successive al 2000? 2001? 2005? 2010? 2100? 3000?

Continue reading “Y2.01K”

Frammenti di FidoNet

La mia esperienza telematica inizia nel 1986 quando a Pavia eravamo un cinque o sei ad avere il modem: ci scrivevamo tra di noi sulle tre BBS della città e poi ci trovavamo la sera a bere una birra assieme.

Dalle BBS locali alla FidoNet il passo è stato breve e dalla fine di quell’anno è iniziata la mia avventura online, interrotta per un solo anno, il 1988, per il servizio di leva.

FidoNet è stata una palestra e una grande fonte di esperienza, ma soprattutto un posto dove ho trovato tantissimi amiche e amici. FidoNet aveva un sistema di messaggistica privata (la NetMail o Matrix) e uno di messaggistica pubblica tematica (la EchoMail, o le “aree echo“); più avanti aveva anche un sistema di distribuzione file. Una piccola Internet, insomma.

I messaggi di quel periodo sono per la quasi totalità spariti come lacrime nella pioggia. Qualcuno l’ho salvato e ho ritrovato quei file qualche giorno fa. Li ho catalogati alla meno peggio e li ho messi in linea qui. È una testimonianza frammentaria di quello che siamo stati, per far capire a chi non c’era che Internet per non è stata solamente la “versione 2.0”. La connessione è un po’ lenta perché quel server è su un’ADSL che sta facendo trasferimento dati inerenti il mio lavoro. Portate pazienza.

Aggiornamento: alcuni messaggi li potete trovare sulla mia wiki.

I DNS di Google

Google ha reso disponibile due server DNS utilizzabili liberamente da tutti, i cui IP sono 8.8.8.8 e 8.8.4.4

Ogni provider ha dei server DNS utilizzabili dai propri utenti, ci sono sempre stati, ma non hanno mai fatto notizia. Se Google ha due server DNS pubblici tutti ne parlano, se li ha PippoTel non se li fila nessuno: è la stampa, bellezza! Così tutti adesso si chiedono non solo perché Google abbia due server DNS pubblici, ma anche perché inviti la gente ad usarli.

Continue reading “I DNS di Google”

Sony PRS-600

SONY PRS-600Secondo lettore di ebook, dopo la fine traumatica del precedente, il cui video è rimasto vittima dell’uso incauto del sottoscritto.

Mi trovavo davanti alla scelta tra un Kindle e un altro lettore “neutro” dal punto di vista dei fornitori di contenuti. Il Kindle ha dalla sua la comoda possibilità di ricevere direttamente i contenuti senza bisogno di un computer che faccia da intermediario, ma è una piattaforma chiusa, quasi blindata, la qual cosa mi mette sempre un po’ di disagio. L’ultimo viaggio negli USA è stato decisivo: approfittando di un cambio assai favorevole, ho preso un Sony PRS-600 e, vista la fine del Cybook, ho preso anche la relativa custodia in pelle con lampada integrata, accessorio rivelatosi fondamentale.

Non sono un fan di Sony, ma l’onestà mi impone di riconoscere che il PRS-600 sia un oggetto di indubbia qualità.

Continue reading “Sony PRS-600”

Pian piano…

Un anno e mezzo fa circa mi ponevo la domanda se servissero ancora DVD a cui anche S* aveva dato la sua risposta.

Pare che, finalmente, qualcosa si stia muovendo: Paramount Digital Entertainment (PDE) e Kingston hanno siglato un accordo per la distribuzione di contenuti multimediali su memorie a stato solido. Fuori dai tecnicismi: film su chiavette USB.

Finalmente.

Qualcuno in California deve aver capito che se le major non mettono i film su chiavette USB e assimilati, lo fanno i cosiddetti pirati. HARRRRRRR!!!

C’era stata un’avanguardia poco tempo fa: l’ultimo (per ora) film di Star Trek era stato reso disponibile su una chiavetta USB “da collezione” (qualsiasi gadget di Star Trek, anche il più becero, è identificato con questo termine), ovviamente pieno di DRM, ma è anche legittima la scelta, per ora.

La speranza è che questo genere di supporto prenda piede e ci si liberi da oggetti inutilmente ingombranti e delicati come i lettori di supporti ottici rotanti.

Gutenberg 2.0

Kindle sta per sbarcare da questa parte dello stagno, Sony pare creda davvero nei lettori di ebook e Barnes and Noble ha annunciato una sua versione di lettore. Potrebbero essere questi i segni che le pietre stanno veramente iniziando a rotolare?

Gutenberg ha avuto successo non tanto per la bontà della tecnologia che utilizzava, quanto per i costi nettamente inferiori dei suoi libri rispetto a quelli del suo periodo: la stampa a caratteri mobili non era solamente una buona idea, ma era dannatamente conveniente e permetteva di distribuire tante copie a costi ridotti rispetto agli amanuensi. Parimenti, il libro elettronico permette di evitare di far girare polpa di alberi morti sui camion ed arriva velocemente al fruitore del contenuto senza troppi passaggi intermedi.

Continue reading “Gutenberg 2.0”

Uptime

Ho un SLA che mi garantisce un uptime del 97%!

Premesso che SLA è il service level agreement, questa percentuale vi sembra alta, vero?

Facciamo due conti. Innanzi tutto la formula per calcolare il downtime è elementare:

(periodo / downtime) / 100

dove periodo è l’arco temporale preso in considerazione e downtime è il periodo di downtime. Va da sé che entrambi i valori devono essere espressi nella medesima unità di misura e che la percentuale di uptime è il complemento a 100 di quella di downtime.

Continue reading “Uptime”