Apple e Dovecot

Questa mattina nella lettura delle varie mailing list che seguo ho trovato una piacevole sorpresa.

Michael Abbott di Apple ha postato un messaggio nella mailing list di Dovecot in cui annunciava la disponibilità di Apple a contribuire al progetto con alcune patch sviluppate al suo interno e già verificate.

Negli ultimi tempi Apple non è stata un esempio di apertura come tecnologie e piattaforme, ma mi sembra corretto segnalare un comportamento meritevole quando questo si verifica. Troppo spesso le ditte approfittano del software Open Source per ridurre tempi e costi di sviluppo senza, però, attenersi alle regole di questo tipo di distribuzione, ovvero senza contribuire a loro volta ai progetti che sfruttano. L’ultimo esempio di questo comportamento poco corretto sarebbe rappresentato da CISCO (la giustizia americana deciderà), contro cui la FSF ha intentato una causa.

Continue reading “Apple e Dovecot”

FreeNAS

FreeNAS è un software gratuito per creare un NAS utilizzando del normale hardware PC e, ovviamente, dei dischi.

Ci sono molti NAS pronti all’uso con vari prezzi e varie caratteristiche e moltissimi utilizzano un Linux personalizzato come software di gestione. I Buffalo sono NAS molto buoni, ma non esattamente a buon mercato; di contro i Linksys mi hanno deluso per le loro basse performance, specialmente in caso di ricostruzione del RAID dopo uno spegnimento accidentale.

Continue reading “FreeNAS”

Developers! Developers! Developers!

Scrivo software da… uhm… tanti anni e ho visto nascere, crescere e morire molti linguaggi del futuro.

Nei primi anni di MS-DOS e anche nei primi anni di Windows (diciamo dal 3.0 in avanti) queste erano piattaforme entusiasmanti su cui scrivere. C’erano dei bachi sia nel sistema operativo sia nei tool di sviluppo, ma erano ben noti e quasi sempre facilmente aggirabili. C’erano molte librerie di terze parti (anche senza Internet le informazioni circolavano benissimo tra i programmatori) che sopperivano alle carenze delle librerie standard dei linguaggi e alle necessità dei programmatori. C’era chi pubblicava compilatori, chi pubblicava librerie e chi comprava i due per creare programmi.

Poi è successo qualcosa, credo attorno al 1995/1996. Windows si è trasformato in una piattaforma di utilizzo in cui i tool di sviluppo c’erano, ma gestiti quasi esclusivamente dal produttore del sistema operativo. Sono usciti prodotti interessanti, ma la potenza di fuoco di Micorosft è sempre stata soverchiante: quante volte hanno cambiato il modello di accesso ai database in Access e/o in Visual Basic con la motivazione (sempre uguale) che il nuovo modello è migliore di quello vecchio, ogni occorrenza del quale nel vostro codice deve essere isolata e distrutta come un campione di malattia infettiva? La prima volta ci siamo stati dietro, la seconda abbiamo storto il naso, la terza è partita una raffica di moccoli verso Redmond ed il codice è rimasto invariato.

Continue reading “Developers! Developers! Developers!”