Niente sesso: siamo Indiani

bing-uk-thHo sperimentato un curioso comportamento di Bing segnalato da Thomas Hawk (via Slashdot). Per l’esperimento ho utilizzato una macchina virtuale Windows XP USA con Internet Explorer 8 con cui non avevo mai visitato Bing.

Per comprendere le modalità del test va segnalato che Bing decide la posizione di un utente in base all’impostazione della lingua del browser (da non confondere con la lingua in cui il browser visualizza i menu e i messaggi).

Continue reading “Niente sesso: siamo Indiani”

Wolfram Alpha

Il panorama dei motori di ricerca si amplia di nuovo con una matricola assai importante. Wolfram Alpha è il motore di ricerca sviluppato con gli algoritmi di Mathematica, uno dei più longevi programmi della storia dell’informatica moderna (ok, Hello World è fuori concorso).

Alcune recensioni sul Wolfram Alpha sono già apparse, il servizio partirà questa sera alle 19:00 CST (la Wolfram Research è dell’Illinois). Per pura fortuna ho provato poco fa a fare delle query e sono riuscito ad ottenere dei risultati prima che chiudessero di nuovo l’accesso.

Continue reading “Wolfram Alpha”

TinEye

TinEye è un altro motore di ricerca, ma questa volta dedicato alle immagini.

A differenza di Google, Flickr o altri siti che si basano essenzialmente sui tag, sui titoli e sul contesto testuale della pagina in cui si trovano, TinEye dice di essere in grado di trovare un’immagine simile a quella che viene fornita come esempio.

La pagina principale del sito dice che le funzioni di ricerca sono in private beta, tuttavia in un articolo del blog di TinEye viene pubblicato il link per potersi iscrivere al servizio. L’iscrizione richiede veramente pochi dati e l’accesso al servizio di TinEye è subordinato ad una conferma di ricezione della mail.

Continue reading “TinEye”

Cuil

CuilCuil è un nuovo motore di ricerca.

Ho fatto alcune prove ed è ancora molto indietro, più o meno come era Google quando è partito e quando avevo letto su Le Scienze un articolo in cui veniva illustrato il metodo innovativo utilizzato, che lo staccava dagli altri motori di ricerca in voga nel periodo quali Altavista (full text puro) e Yahoo! (categorizzato da umani).

Cuil (una parola gaelica che significa “conoscenza”) dice di utilizzare un sistema innovativo che si basa sui contenuti (semantici?) di una pagina, non sull’algoritmo hub/autorità che era l’innovazione di Google rispetto ad Altavista.

Continue reading “Cuil”